Skip to content


Quali sono gli ostacoli incontrati dalle vittime dei crimini sessuali in UE? I ricercatori di RE-TREAT propongono strumenti pratici e training formativi per i professionisti del settore.

Il Progetto RE-TREAT (https://sexualviolencejustice.eu/re-treat-project/) si occupa di migliorare il trattamento ricevuto dalle vittime di violenza sessuale all’interno dei procedimenti penali in Grecia, Italia e Spagna.
Tra i partner europei figurano: le Università Carlos III e l’Università Autonoma di Madrid, l’Università Cattolica di Leuven, l’Università di Sassari e le associazioni Union of Women Associations of Heraklion (UWAH) ed Eurocrime.

A partire dai report nazionali pubblicati a fine 2020, l’Università Autonoma di Madrid ha condotto uno studio comparativo.
Il Transnational Comparative Report, , ha infatti l’obiettivo di allertare le Autorità Pubbliche sull’importanza della cura del modo in cui viene trattata una donna vittima di violenza sessuale. Bisogna investire sulle capacità dei professionisti per ridurre la vittimizzazione secondaria e aumentare la consapevolezza della società sui diritti delle vittime di crimini sessuali” ha riferito Sabela Oubiña Barbolla, Prof.ssa di Procedura Penale dell’UAM.
Tra i destinatari diretti vi sono i professionisti del sistema giuridico o dei centri di supporto alle vittime di violenza.

Guarda l’intervista completa sul Transnational Comparative Report di RETREAT.

L’Università Cattolica di Leuven ha realizzzato uno strumento pratico che permette di migliorare le competenze dei professionisti della giustizia. “Abbiamo identificato alcuni standard normativi, suddivisi in tre blocchi principali – orientamento alla conoscenza, alla pratica e al sistema –, dotate di informazioni aggiuntive ed esempi pratici per aiutare i professionisti ad applicarle durante il proprio lavoro” hanno sottolineato Monique Anderson ed Evelien Claes, ricercatrici dell’Università Cattolica di Leuven.

L’intervista completa sugli Standard di pratica realizzati dall’Università di Leuven.

Nei prossimi mesi i partner di Progetto saranno impegnati nella realizzazione di training formativi nazionali destinati ai professionisti del settore giuridico e dell’area socio-sanitaria interessati a migliorare le proprie competenze nell’ambito del trattamento delle vittime.

Archiviato in Abuso all'infanzia.


Due appuntamenti online con i webinar dell’EFRJ

L’European Forum for Restorative Justice (EFRJ) organizza questi due webinar nelle prossime settimane:

Archiviato in Abuso all'infanzia.


Hate crimes – conferenza online

Siamo liet* di annunciare la Conferenza “Hate crimes – L’analisi del fenomeno nella prospettiva della Restorative Justice e riflessioni sulla normativa Italiana” in cui la Prof.ra Patrizia Patrizi, responsabile scientifica e gli altri relatori discuteranno sul tema.  

L’evento, accreditato presso il Consiglio dell’Ordine Forense di Sassari, si svolgerà online dalle ore 10.30 alle 12.30 nella piattaforma Cisco Webex e sarà possibile partecipare attraverso il seguente link.

Numero riunione: 163 441 9074

Password: 2GndTDDNn32

(24638336 da telefoni e sistemi video)

Per qualsiasi informazione sarà possibile scrivere al Dott. Nicola Fresu, referente per l’area giuridica all’indirizzo email nfresu@uniss.it

Archiviato in Approccio e tecniche riparative, Bullismo, Convegni Seminari Giornate di Studio, Devianza giovanile.


Proroga iscrizione Master in Giustizia Riparativa (UNISS)

Il 26 marzo è l’ultimo giorno utile per iscriversi al Master di I livello in “Giustizia Riparativa e mediazione. Per il benessere di persone e comunità” dell’Università degli studi di Sassari. 

L’inizio delle attività è previsto per il 9 aprile 2021.  

Il Team delle pratiche di giustizia riparativa siamo entusiast* e speranzos* che la proposta riesca a raggiungere giovani laureat* e professionist* interessat* a sviluppare – nei molteplici contesti di applicazione della Restorative Justice – quella visione orientata al rispetto della dignità umana, alla responsabilità, alla solidarietà, al dialogo fra le parti, al valore della giustizia, di cui persone e comunità avvertono crescente bisogno. 

Ricordiamo che per gli/le studenti iscritt* ai corsi di Laurea Magistrale dell’Università di Sassari è possibile, presentando apposita domanda, richiedere la sospensione temporanea della carriera per un anno accademico, eventualmente prorogabile, per la frequenza di corsi di studio all’estero, di master universitari, di corsi abilitanti alla professione, di scuole di specializzazione, di dottorati di ricerca e di corsi in Accademie Militari.
Alla ripresa degli studi sospesi lo studente, se non incorso nella decadenza, può chiedere la riammissione al corso di studio precedentemente seguito e il riconoscimento dei CFU eventualmente acquisiti nel corso di studio al quale risulta iscritto, secondo le procedure previste. Per maggiori informazioni contattare la Segreteria Studenti di riferimento.

In allegato: il link alla pagina dei master dell’Università di Sassari e la locandina.

Archiviato in Approccio e tecniche riparative, Convegni Seminari Giornate di Studio, Giustizia Riparativa, Promozione del benessere, Promozione sociale.


Online il bando del Master in Giustizia Riparativa di UNISS

E’  stato pubblicato il bando del Master in “Giustizia Riparativa e mediazione. Per il benessere di persone e comunità” (scadenza 26 febbraio). L’inizio delle attività è previsto per fine marzo.  

Il Team delle pratiche di giustizia riparativa siamo entusiast* e speranzos* che la proposta riesca a raggiungere giovani laureat* e professionist* interessat* a sviluppare – nei molteplici contesti di applicazione della Restorative Justice – quella visione orientata al rispetto della dignità umana, alla responsabilità, alla solidarietà, al dialogo fra le parti, al valore della giustizia, di cui persone e comunità avvertono crescente bisogno. 

In allegato: il link alla pagina dei master dell’Università di Sassari.

Archiviato in Convegni Seminari Giornate di Studio, Formazione, Giustizia Riparativa, Penitenziario, Promozione del benessere, Promozione sociale.


FAIRCOM – Workshop per professionisti del settore giustizia

Il workshop Fair and Appropriate? Il risarcimento in favore delle vittime di violenza sessuale negli Stati Membri UE: Analisi, Buone Prassi e Raccomandazioni si terrà online sulla piattaforma Zoom il 20 gennaio 2021 dalle 18 alle 20.

Esso ha come oggetto la condivisione del Report Parte II di FAIRCOM, proseguimento del Report Parte I nel quale circa un anno fa sono stati presentati i primi risultati di uno studio investigativo sul risarcimento da parte dello Stato e degli autori di reato nei cinque paesi partner. Questi report fanno parte di un unico “documento in divenire“: il contenuto della Parte I è stato aggiornato e integrato ed è stato inserito nella Parte II.

L’obiettivo generale di FAIRCOM è quello di contribuire all’empowerment delle vittime di reati sessuali nella loro ricerca di giustizia, attraverso una serie di eventi dedicati alla formazione di professionisti del settore giustizia.

La locandina può esser scaricata da questo link: FAIRCOM – Brochure workshop gennaio 2021

Per informazioni e iscrizioni contattare il Team UNISS all’indirizzo e-mail tempiocittariparativa@gmail.com F

Archiviato in Approccio e tecniche riparative, Convegni Seminari Giornate di Studio, Formazione, Giustizia Riparativa, Penitenziario.


RestArt – Dal 30 novembre al 5 dicembre un festival d’arte online

Il 2020 è l’anno in cui si celebra il 20° anniversario dell’European Forum for Restorative Jutice. Per festeggiare, l’organizzazione ha creato REstART, un festival d’arte online, primo nel suo genere, che riunisce opere d’arte di alta qualità che esplorano la giustizia riparativa e i loro creatori.

Il Team delle Pratiche di Giustizia Riparativa dell’Università di Sassari ha coordinato la realizzazione di due mostre fotografiche virtuali esposte al REstART Festival: una proveniente da detenuti e studenti di Tempio Pausania, prima città riparativa italiana; l’altra dalla cooperativa sociale di Nuoro “Ut Unum Sint”.

Sabato 5 novembre alle ore 16.00 vi sarà la premiazione del virtual art contest organizzato dalla Vermont Law School “Reimagining Justice”. Siamo liet* di annunciarvi che The Goddess of Time, l’opera realizzata da Bourama Diarra, Giulia Villa, e Alessia Carboni, studenti del Liceo Artistico “F. De Andrè” ha ottenuto il primo premio!

A causa della pandemia l’intero programma si svolgerà online. La partecipazione è gratuita, è possibile registrarsi al link: https://www.euforumrj.org/en/events/restart-festival-art-justice-solidarity-and-repair.  REstART raccoglie le più interessanti iniziative: sarà vetrina di film e documentari sulla giustizia riparativa, una produzione teatrale con artisti detenuti, una presentazione di un libro che mette in discussione i sistemi di giustizia tradizionali, un laboratorio di fumetti, mostre fotografiche e un concerto per pianoforte. I partecipanti possono partecipare agli incontri in diretta con gli artisti, gli attivisti e i professionisti coinvolti nel produzioni. I collaboratori del festival provengono da dieci paesi diversi e tre diversi continenti.

Per leggere il programma completo vi rimandiamo al sito: https://www.euforumrj.org/en/REstART

Archiviato in Approccio e tecniche riparative, Convegni Seminari Giornate di Studio, Giustizia Riparativa, Promozione del benessere, Promozione sociale.


Faircom: parte il database europeo dei Centri Anti-violenza

Roma, 25 novembre 2020. È finalmente online il database del progetto Faircom (https://sexualviolencejustice.eu/organizations/) che contiene la mappa dei Centri Anti-Violenza e delle Associazioni attivi in Europa che forniscono supporto alle vittime di reati sessuali.

Ogni vittima ha a disposizione 24h su 24 informazioni in inglese e lingua locale sulle organizzazioni più vicine a lei. Il nostro paese è riuscito a coinvolgere ben 17 organizzazioni in Italia, secondo Patrizia Patrizi, prof.a ordinaria dell’Università di Sassari “le call sono sempre aperte: è importante coinvolgere più Centri Anti-violenza e Associazioni per realizzare una rete che copra in modo capillare tutto il nostro paese”. I dettagli sull’iter per ottenere il risarcimento statale e da parte dell’autore del reato sono stati raccolti in alcune tabelle informative suddivise per paese, anch’esse disponibili online.
Si tratta di uno dei primi frutti del progetto europeo, ormai avviato un anno fa, che si occupa di individuare nuove linee guida internazionali per un risarcimento equo ed efficiente in favore delle vittime di reati sessuali. I cinque paesi partner di progetto – Spagna, Italia, Grecia, Paesi Bassi e Lettonia – hanno lavorato in questi mesi per migliorare le condizioni delle vittime attraverso strumenti concretamente utili e fruibili dalle persone.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proposto il 25 novembre come la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Secondo la prof.ssa Helena Soleto, coordinatrice del progetto, “al fine di ottenere un risarcimento equo in favore di tutte le vittime è fondamentale conoscere le buone prassi già presenti nel nostro territorio e lavorare attivamente costruendo nuove linee guida, rendendole accessibili a tutti i paesi e aumentando la familiarità con esse dei professionisti del settore”.

I ricercatori di Faircom hanno realizzato uno studio per descrivere i diversi percorsi che la vittima deve affrontare per ottenere il risarcimento in ogni paese partecipante e fornire raccomandazioni per un processo di risarcimento efficace per tutte le vittime di crimini sessuali. Da oggi il Report Faircom Part II – State and Offender Compensation: Survey, Good Practices and Recommendations è direttamente scaricabile dalla sezione dedicata agli eBook del sito ufficiale di progetto (https://sexualviolencejustice.eu/ebook/).

Archiviato in Promozione del benessere, Sex offenders, Stalking, Violenza di genere.


Nuovo lavoro pubblicato su Education Science

L’ultimo lavoro della Prof.a Patrizia Patrizi e del Dott. Ernesto Lodi si focalizza sul miglioramento del rendimento scolastico e la prevenzione dell’abbandono scolastico: la nuova pubblicazione è disponibile su Education Science.

Molti studi hanno studiato gli effetti delle competenze non intellettive sul rendimento e gli effetti del rendimento sulla soddisfazione scolastica. L’obiettivo di questo studio era quello di indagare il ruolo diretto sia delle competenze non intellettive che del rendimento sulla soddisfazione scolastica allo stesso tempo.

Metodi: Lo studio ha coinvolto 731 studenti italiani, che hanno frequentato tre diversi licei, che hanno risposto alla Scala H-Comp, un questionario che ha valutato dodici diversi aspetti delle competenze, attitudini e motivazioni degli studenti rispetto allo studio, e alla Scala H-Sat, un questionario che ha valutato cinque diverse aree di soddisfazione scolastica.

Risultati: Abbiamo trovato un forte ruolo delle competenze non intellettive sulla soddisfazione scolastica e un ruolo marginale del rendimento scolastico, del genere e della classe frequentata, che si è ridotto con l’aumento dell’anzianità degli studenti.

Conclusioni: Questo studio ha dimostrato che la soddisfazione scolastica dipende dalla percezione che gli studenti hanno di sé stessi in termini di competenze scolastiche e le motivazioni possedute sono superiori al loro unico rendimento, suggerendo che ciò aiuta gli studenti a migliorare le loro competenze non intellettive al fine di aumentare il loro rendimento e ridurre il rischio di abbandono, sia direttamente che indirettamente, attraverso l’aumento della loro soddisfazione scolastica.

Archiviato in Devianza giovanile, Formazione.


IV Convegno Nazionale di Psicologia Giuridica: online il Book of abstracts

Dal 7 al 9 Novembre 2019 ha avuto luogo a Roma il IV Convegno Nazionale di Psicologia Giuridica, organizzato dalla nostra Associazione in collaborazione con l’Università degli Studi di Sassari.

L’evento “Verso una giustizia delle relazioni. Ambiti tradizionali e nuove frontiere della psicologia giuridica”, proposto dalla prof.ssa Patrizia Patrizi, è stato insignito della medaglia del Presidente della Repubblica.

In totale, oltre 200 partecipanti da 30 città italiane hanno realizzato 108 interventi distinti in:
– 1 lectio magistralis da parte del Prof. Tim Chapman dell’Università di Ulster;
– 5 plenarie;
– 15 sessioni parallele;
– 5 poster.

Il Team di PsicoIus al completo: Patrizia Patrizi, Vera Cuzzocrea, Gian Luigi Lepri, Ernesto Lodi, Francesca Vitale, Cristiana Guido, Jacopo Bruni, Doriana Chirico, Valentina Graziano, Lucrezia Perrella.

Qui di seguito è possibile scaricare il libro con tutti gli abstracts degli interventi del Convegno, curato dal Dott. Jacopo Bruni con la collaborazione delle Dott.sse Valentina Graziano e Lucrezia Perrella:

Galleria – IV Convegno Psicologia Giuridica

Archiviato in Convegni Seminari Giornate di Studio, Formazione, Giustizia Riparativa.

Tag .